Occupate sedi AGI-ADNKRONOS – Roma con la Palestina

Di seguito il comunicato diffuso dai/dalle solidali questa mattina e i lanci delle Agenzie Stampa..

VERSO IL CORTEO DI DOMANI 24 LUGLIO ORE 18 PIAZZA VITTORIO

IMG-20140723-WA0003“Today, my body was a TV’d massacre that had to fit into sound-bites and word limits filled enough with statistics to counter measured response”.
da una poesia di Rafeef Ziadah

Roma, 23 luglio 2014

Un massacro, sì.
Questo è sotto gli occhi di tutti, specialmente di chi lo vuol vedere.

Non bastano foto di corpi dilaniati, giovani o meno che siano, o edifici distrutti a raccontare l’ennesimo violento attacco di Israele alla Striscia di Gaza. Non basta romanzare o indurre a compassione intorno una manciata d’immagini strazianti, con il calcolo gelido che quella foto “venda” o che faccia il giro del mondo, regalando qualche migliaio di click al sito web di riferimento.

Non basta a chi dentro a quest’attacco muore o resiste, non basta a chi dietro quest’attacco riconosce 66 anni di violenza coloniale, per mano militare. La Striscia di Gaza, pezzo di terra palestinese che tutti i media acconsentono a tener separato dalla Palestina quasi fosse un’isola, è stata occupata dai coloni e dall’esercito israeliano fino al 2005 e successivamente messa sotto assedio militare in tutte le frontiere: terra, mare e cielo.

“Protective edge” è solo l’ultima accelerazione della pulizia etnica della Palestina perché il progetto sionista vuole: conquistare tutte le terre palestinesi, espellere, uccidere o costringere alla schiavitù la popolazione palestinese, e saccheggiare tutte le risorse, tra cui gas, acqua e terre coltivabili.

66 anni di colonialismo brutale sono 24161 giorni di colonialismo brutale.

Massacri, prigionia, deportazioni, segregazione, campi profughi e diaspora in 66 lunghi anni che non potete ridurre a una guerra tra Hamas e lo stato israeliano. Giornali e televisioni, seppur con sgomento davanti l’ennesima carneficina, stanno accettando la solita tesi difensiva di Israele.

IMG-20140723-WA0012Ogni giorno l’informazione rende totalmente invisibile il colonialismo sionista e tutta la popolazione palestinese che, quando uccisa dai bombardamenti incessanti, viene considerata un “danno collaterale nella guerra contro il terrorismo di Hamas”.
Data la vostra passiva accettazione, veniamo a dirvelo in faccia: non restiamo immobili a contare i morti, domani 24 luglio, alle 18 da Piazza Vittorio, saremo in corteo per le vie di Roma, al fianco di chi resiste in Palestina contro il colonialismo di Israele.

Antifascisti e Antifasciste di Roma

Di seguito i lanci delle Agenzie Stampa

MO: MANIFESTAZIONE A ROMA DI «ANTIFASCISTI E ANTIFASCISTE» = Roma, 23 lug. (Adnkronos) – «Un massacro sotto gli occhi di tutti, specialmente di chi lo vuol vedere»: così la rete che fa riferimento alla sigla «Antifascisti e antifasciste di Roma» definisce le azioni militari di Israele a Gaza e invita alla mobilitazione di solidarietà con i palestinesi. Il gruppo si è presentato alla sede Adnkronos di Roma per annunciare la manifestazione di domani che partirà in corteo alle 18 da Piazza Vittorio «al fianco di chi resiste in Palestina contro il colonialismo di Israele». «Sessantasei anni di colonialismo brutale – ricordano in un comunicato – sono 24.161 giorni di colonialismo brutale. Massacri, prigionia, deportazioni, segregazione, campi profughi e diaspora in 66 lunghi anni che non si può ridurre a una guerra tra Hamas e lo stato israeliano. Giornali e televisioni, seppure con sgomento davanti all’ennesima carneficina, stanno accettando la solita tesi difensiva di Israele. Ogni giorno l’informazione rende totalmente invisibile il colonialismo sionista e tutta la popolazione palestinese che, quando uccisa tra i bombardamenti incessanti, viene considerata un ‘danno collaterale nella guerra contro il terrorismo di Hamas’». Per il gruppo romano si tratta di «Un massacro, sì. Questo è sotto gli occhi di tutti, specialmente – sottolineano – di chi lo vuol vedere. Non bastano foto di corpi dilaniati, giovani o meno che siano, o edifici distrutti a raccontare l’ennesimo violento attacco di Israele alla Striscia di Gaza. Non basta romanzare o indurre a compassione intorno una manciata d’immagini strazianti, con il calcolo gelido che quella foto ‘vendà o che faccia il giro del mondo, regalando qualche migliaio di clic al sito web di riferimento. (segue) (Red/Col/Adnkronos) 23-LUG-14 13:11 NNN

MO: MANIFESTAZIONE A ROMA DI «ANTIFASCISTI E ANTIFASCISTE» (2) = (Adnkronos) – La Striscia di Gaza, pezzo di terra palestinese che tutti i media acconsentono a tener separato dalla Palestina quasi fosse un’isola, è stata occupata dai coloni e dall’esercito israeliano fino al 2005 e successivamente messa sotto assedio militare in tutte le frontiere: terra, mare e cielo. ‘Protective edgè è solo l’ultima accelerazione della polizia etnica della Palestina perchè il progetto sionista vuole: conquistare tutte le terre palestinesi, espellere, uccidere o costringere alla schiavitù la popolazione palestinese, e saccheggiare tutte le risorse, tra cui gas, acqua e terre coltivabili«. Il comunicato si apre con la citazione di una poesia di Rafaeef Ziadah: »Today, my body was a Tv’d massacre that had to fit into sound-bites and word limits filled enough with statistics to counter measured response«. (Red/Col/Adnkronos) 23-LUG-14 13:13 NNN

(AGI) – Roma, 23 lug. – “Non restiamo immobili a contare i morti” a Gaza. Dietro questa determinazione che una delegazione del gruppo ‘Antifasciste e antifascisti per la Palestina’ di Roma si sono presentati alla sede dell’Agi per annunciare la manifestazione di domani che partira’ in corteo alle 18 da Piazza Vittorio “al fianco di chi resiste in Palestina contro il colonialismo di Israele”. “Sessantasei anni di colonialismo brutale – ricordano in un comunicato – sono 24.161 giorni di colonialismo brutale.
Massacri, prigionia, deportazioni, segregazione, campi profughi e diaspora in 66 lunghi anni che non si puo’ ridurre a una guerra tra Hamas e lo stato israeliano. Giornali e televisioni, seppure con sgomento davanti all’ennesima carneficina, stanno accettando la solita tesi difensiva di Israele. Ogni giorno l’informazione rende totalmente invisibile il colonialismo sionista e tutta la popolazione palestinese che, quando uccisa tra i bombardamenti incessanti, viene considerata un ‘danno collaterale nella guerra contro il terrorismo di Hamas'”.
Per il gruppo filopalestinese romano si tratta di “Un massacro, si’. Questo e’ sotto gli occhi di tutti, specialmente – sottolineano – di chi lo vuol vedere. Non bastano foto di corpi dilaniati, giovani o meno che siano, o edifici distrutti a raccontare l’ennesimo violento attacco di Israele alla Striscia di Gaza. Non basta romanzare o indurre a compassione intorno una manciata d’immagini strazianti, con il calcolo gelido che quella foto ‘venda’ o che faccia il giro del mondo, regalando qualche migliaio di clic al sito web di riferimento.
La Striscia di Gaza, pezzo di terra palestinese che tutti i media acconsentono a tener separato dalla Palestina quasi fosse un’isola, e’ stata occupata dai coloni e dall’esercito israeliano fino al 2005 e successivamente messa sotto assedio militare in tutte le frontiere: terra, mare e cielo.
‘Protective edge’ e’ solo l’ultima accelerazione della polizia etnica della Palestina perche’ il progetto sionista vuole: conquistare tutte le terre palestinesi, espellere, uccidere o costringere alla schiavitu’ la popolazione palestinese, e saccheggiare tutte le risorse, tra cui gas, acqua e terre coltivabili”. Nel comunicato si cita anche una poesia di Rafaeef Ziadah: “Today, my body was a Tv’d massacre that had to fit into sound-bites and word limits filled enough with statistics to counter measured response”. (AGI) .

This entry was posted in Gaza, General. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *