Tra resistenza e repressione: il 15 marzo 2011 dei giovani di Gaza

Mentre i caccia F16 israeliani continuano a lanciare missili su gaza, facendo morti e feriti come sempre, le manifestazioni di ieri, organizzate dai giovani palestinesi per la fine delle divisioni interne, hanno avuto bruttissimi risvolti. La polizia di hamas, e’ arrivata con bastoni e manganelli e ha iniziato un duro pestaggio dei manifestanti, che erano concentrati davanti all’universita’.

Gia’ dalla mattina, nonostante la garanzia di protezione e autorizzazione della manifestazione dei giovani, le forze di sicurezza di hamas hanno obbligato i dimostranti a spostarsi dalla piazza del “Milite Ignoto” dove era stato dato l’appuntamento.
In serata poi sono scoppiati gli scontri fra polizia e manifestanti lungo Talateen street, la strada principale di Gaza, e davanti all’Universita’, dove  centinaia di ragazzi e ragazze  sono stati feriti.
Molti di loro sono stati ricoverati per fratture, la maggioranza sono donne.  Fuori dall’ospedale jeep della polizia hanno arrestato i contusi mano a mano che venivano rilasciati dal pronto soccorso. Sono state sequestrate le telecamere ai giornalisti presenti
Samah Ahmed, giovane giornalista di Gaza, è stata accoltellata alla schiena durante l’assalto.

Questa mattina, mercoledi, i ragazzi/e hanno continuato con il presidio, cosi come si erano proposti, pacificamente ma ad oltranza, per arrivare ad un risultato sulla questione dell’unita’ nazionale. Anche questo non e’ stato permesso, sono state bruciate le tende e sono continuati gli scontri. A quanto ci riferiscono alcuni contatti in loco, Hamas sta effettuando arresti e cercando gli organizzzatori della manifestazione e del movimento GYBO (Gaza youth breaks out).

In attesa della nostra pubblicazione, per visualizzare le foto della demo a gaza su facebook:
http://www.facebook.com/home.php#!/photo.php?fbid=158412937550366&set=a.158016524256674.34096.100001449827534&theater

Questa voce è stata pubblicata in Approfondimenti, Gaza, Notizie e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

1 risposta a Tra resistenza e repressione: il 15 marzo 2011 dei giovani di Gaza

  1. il mago di Oz scrive:

    GAZA, ISRAELE CONFERMA RAID (ANSA) – TEL AVIV, 16 MAR – Israele ha confermato di aver condotto oggi due raid aerei contro obiettivi «terroristici» all’interno della striscia di Gaza. Lo ha riferito radio Gerusalemme, citando fonti militari. Questi attacchi sono giunti in reazione al precedente lancio di un razzo da Gaza verso il territorio israeliano, ha aggiunto l’emittente. Fonti palestinesi hanno riferito che l’aviazione israeliana ha colpito obiettivi nel rione Zaitun e nel campo profughi di Shati, alla periferia di Gaza. Nel primo attacco sono rimasti uccisi due membri della Sicurezza nazionale, mentre nel secondo non si sono avute vittime.

I commenti sono chiusi.